Editoriale di Modellistica...

Andare in basso

Editoriale di Modellistica...

Messaggio  Salvatore Ciambra il Sab Ott 31, 2009 2:55 pm

Dall'ultimo numero di Modellistica International:

Cari amici,

la stagione di gare e raduni all'aperto è ormai finita e desidero fare alcune riflessioni su un tema che da sempre mi stà a cuore: la sicurezza.

Già in passato, più volte da questa pagina, ho scritto richiamando tutti gli appassionati ad una maggior attenzione a questo fondamentale aspetto del nostro hobby ma, mentre se ne parliamo singolarmente tutti concordano sulla particolare attenzione che deve essere dedicata alla sicurezza, quando si passa all'atto pratico le cose vanno ben diversamente.

Purtroppo, specialmente da parte di alcuni, non si vede l'intenzione di cambiare.

A mio parere, alcuni piloti sono "criminalmente" irresponsabili, dato che più volte anche quest'anno abbiamo visto modelli sfrecciare vicino al pubblico, quando non addirittura attraversare l'area destinata ad esso, e oltre a essere evidente che non sono in grado di pilotare in sicurezza, spesso si esibiscono con modelli dalle prestazioni ben al di là delle loro capacità, dei loro riflessi e della loro emotività.

Chi trema per l'emozione non si deve esibire finché non avrà superato questo handicap.

Chi non atterra bene o va addirittura fuori pista, o commette qualsiasi altro errore, tende sempre a scusarsi addebitando l'errore alla casualità, al vento, alla radio e a mille altri motivi, senza onestamente riconoscere che non sono padroni del modello in ogni istante del volo dal decollo alla fine dell'atterraggio; questi sono personaggi pericolosi e possibile causa di incidenti.

Bisogna riconoscere che gli aeromodellisti devono avere un santo protettore molto importante.

Sarebbe non solo auspicabile, ma doveroso, che chi è responsabile dei voli nelle manifestazioni obbligasse ad atterrare chi vola in modo pericoloso ed insicuro. Sono certo che se ciò avvenisse, oltre a dimostrare la professionalità e la serietà degli organizzatori, sarebbe un monito importante e porterebbe un indubbio beneficio all'incremento della sicurezza dei voli. Questo varrebbe non solo negli eventi direttamente interessati, ma tutto il movimento nazionale ne trarrebbe giovamento.

Se ciò avvenisse in alcune tra le maggiori manifestazioni che ogni anno si svolgono in Italia, sarebbe un utile esempio per tutti. E' opportuno ricordare, spesso lo si dimentica, che chi organizza ha ben precise responsabilità nei confronti del pubblico e di tutti i partecipanti e non può trincerandosi dietro il "quieto vivere", facendo finta di nulla, quando vede esibirsi piloti chiaramente non all'altezza o poco rispettosi dell'incolumità dei presenti.

D'altra parte è indubbio che chi partecipa alle manifestazioni gode del piacere di esibirsi ma molti credono di essere più bravi di quanto realmente sono, il che li rende potenzialmente pericolosi; inoltre, visto che in una manifestazione un applauso non si nega a nessuno, questi elementi vedranno il loro pilotare incauto sempre legittimato.

Sbaglia chi pensa che rischiando ed andando oltre le capacità proprie, e del modello che in quel modello sta pilotando, dimostri di essere più bravo di altri; è invece chi tiene sempre in mente la sicurezza che sarà certamente apprezzato per la serietà e la professionalità.

In questi giorni molti coordinamenti regionali ed interregionali, nonché i singoli Gruppi, stanno programmando l'attività per il 2010: quale sede più opportuna di queste riunioni per mettere a punto delle precise norme di comportamento, impegnandosi a far rispettare, in maniera ferma e decisa, nell'interesse di tutti, le più semplici norme di sicurezza e buon senso?


Mah...
In un certo senso condivido quelle riflessioni, anche al prossimo Jet Meetig a Palermo la sicurezza sarà uno dei cardini indispensabili per lo svolgimento della manifestazione, è infatti previsto un Responsabile dei voli, ma non sembra anche a voi un attacco mirato?
Certamente mi sbaglierò ma negli ultimi tempi la carta stampata ha solamente scritto della pericolosità della nostra attività ( fa anche rima... clown ).
Mi piacerebbe leggere anche le vostre impressioni...
Saluti
avatar
Salvatore Ciambra

Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 62
Località : Palermo

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  EnzoG il Sab Ott 31, 2009 4:57 pm

Penso che Benincasa abbia ragione.

Non credo parli solo del setore turbine ma di tutte le manifestazioni e di qualsiasi tipologia di aereo e motorizzazione

A parer mio dimentica però che in caso di avaria seria al modello i pollici di Marco, Seba, Luca, (per citare 3 fra i migliori piloti F3A) sono identici a quelli di qualsiasi altro modellista.

E qui subentrano altri criteri che riguardano la sicurezza.

La pista per esempio. Mi rendo conto che quando si tocca questo argomento tutti scappano e nicchiano. Esistono piste a ridosso di centri abitati e questo a parer mio è ancora più pericoloso di un pilota emotivo

A parte gli scherzi su altri thread importante è anche la configurazione del modello.....servi, centraline, elettronica ecc.

A volte si nasconde la testa sotto la sabbia e di questo Benincasa ha ragione.

In F4J si è parlato e si è portata avanti l'abilitazione dei piloti jet che partecipano ad eventi pubblici. GRANDE PASSO ma è solo una sicurezza che riguarda pochissimi piloti

Leggendo i vari forum si legge di persone che collaudano in autonomia jet a turbina senza l'ausilio di persone esperte e sulle piste di casa loro.
In questi casi il pericolo è enorme.

Parlando poi dei jet a turbina si può dire quello che si vuole ma, quando si fa il salto, è come ricominciare da capo anche per chi ha lustri alle spalle nel modellismo.

UMILTA' UMILTA' UMILTA'.
Avere il coraggio di chiedere aiuto

Mi rendo conto che sono parole al vento e come diceva Benincasa abbiamo un Santo protettore importante
avatar
EnzoG

Messaggi : 233
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 57
Località : Monza

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  sandro rosina il Sab Ott 31, 2009 5:34 pm

Condivido al 100 % il pensiero di Giulio Benincasa che non mi pare assolutamente si riferisca alle turbine .

Per fortuna abbiamo SICURAMENTE un grande aiuto dal cielo ,ma non possiamo contare solo su quello ..... ( anche Lui è molto impegnato).

L'abilitazione F4J -Fiam per il pilotaggio di turbine in eventi aperti al pubblico è ormai in dirittura di arrivo e la prossima stagione sarà pienamente attivo .

Ovviamente come dice Enzo la scelta dei campi di volo riveste un importanza vitale per il nostro hobby .in particolar modo se parliamo di turbine.

Chiedo a tutti la massima collaborazione ed il massimo impegno a fare in modo che i nostri voli si svolgano SEMPRE nel rispetto delle regole per un volo in sicurezza. Questo significa anche aiutare quelle persone che si avvicinano per la prima volta alle turbine , che poi tra l'altro è uno degli scopi principali della nostra associazione.

Sandro Rosina
avatar
sandro rosina

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 58

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  Salvatore Ciambra il Sab Ott 31, 2009 9:52 pm

Non posso che essere d'accordo...
Saluti
avatar
Salvatore Ciambra

Messaggi : 210
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 62
Località : Palermo

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  fabionet31 il Gio Gen 07, 2010 12:46 pm

non so se voi avete avuto le stesse esperienze, però ho notato che i modelli da competizione
hanno molti meno incidenti.

Nel mio caso nel pylon, pericolosisssssimo eppure niente.

Quindi il fatto sta che chi fa competizioni, o manifestazioni, presta molta attenzione alla qualità dei servi, all'alimentazione
delle RX, a impostare il Fail Safe ecc..

invece vedo gente che nei voli "domenicali" porta in aria modelli attaccati con lo sputo, servi fissati
cu uan vite ecc.

quindi probabilmente è proprio cultura generale che con le nuove generazioni non può che migliorare.

fabionet31

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 04.01.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  EnzoG il Ven Gen 08, 2010 3:39 am

fabionet31 ha scritto:non so se voi avete avuto le stesse esperienze, però ho notato che i modelli da competizione
hanno molti meno incidenti.

Nel mio caso nel pylon, pericolosisssssimo eppure niente.

Quindi il fatto sta che chi fa competizioni, o manifestazioni, presta molta attenzione alla qualità dei servi, all'alimentazione
delle RX, a impostare il Fail Safe ecc..

invece vedo gente che nei voli "domenicali" porta in aria modelli attaccati con lo sputo, servi fissati
cu uan vite ecc.

quindi probabilmente è proprio cultura generale che con le nuove generazioni non può che migliorare.

Beh è importante l'esperienza
Nel Pylon tu ed altri di esperienza avete potuto trasmetterla a chi cominciava.
Nelle turbine è successa la stessa cosa con persone che si sono fatte in quattro per aiutare chi cominciava come me

Come diceva Sandro uno dei compiti fondamentali della F4J Italia è quello di aiutare chi comincia e metterllo in condizione di assemblare un modello e volare in SICUREZZA

Credo di non essere smentito ma quando vuoi andare ad Alessandria (Sandro, Marco, Mauro,Luigino) o a Ghisalba ( Santino e Marco e in piccola parte io) avrai tutto il supporto che ti occorre
avatar
EnzoG

Messaggi : 233
Data d'iscrizione : 28.09.09
Età : 57
Località : Monza

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Editoriale di Modellistica...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum